“Il profumo non è soltanto un odore, un flacone o un sogno ma tocca l’intimo di ciascuno di noi; è anche e soprattutto una convinzione. Una convinzione che non è né una promessa né un invito bensì un punto di vista sul mondo che ci circonda."

Ecco il perché della domanda: quali sono i valori oggi?

Il trionfo dell’essere sull’avere e l’apparire.

Il ritorno all’essenziale. La ricerca di significato. Del significato di ciascuno di noi. Una nuova era che cristallizza il rifiuto di un mondo placcato oro, di un mondo paralizzato dai suoi diktat: il diktat della moda, del denaro onnipotente, dell’essere sexy a tutti i costi...
Con le donne, Lancôme ha da sempre saputo coltivare un legame profondo, sincero, rispettoso, aulico, un legame che rende grandi. Un legame singolare, in un mondo in cui i legami di interesse e di potere predominano.
Ben lontano da qualunque tipo di eccesso, così come dalle regole del mainstream promosse incessantemente da ormai trent’anni, la femminilità Lancôme si vive più che mai liberamente nella corrente del less but better, in una bellezza non aggressiva, una sorta di soft power della bellezza.

Questa femminilità, universale e personale, si vive come una scelta e non come un obbligo. La scelta di sé stessi, la scelta di ciò che è meglio per sé. Trovare la propria strada, la propria luce.

Se “La vie est belle” (La vita è bella), è perché si è scelto di renderla bella. Perché lo si è voluto. Nessun obbligo, nessuna strada imposta. Più che una constatazione, è un procedimento, un modo di imporsi, di scegliere il meglio per sé. Un modo di contemplare ogni giorno, ogni opportunità con la propria sensibilità. Ognuno cerca la propria felicità e la compone a modo suo. Dunque, la vita diventa più bella. La mia vita è bella perché l’ho scelta così.

Diffondi la felicità e illumina ogni festa con la fragranza del sorriso.